Sperimentazione italiana Mind.Ev.I: studio pilota del Programma di Mindfulness per l’autoregolazione emotiva e il potenziamento cognitivo (MAP!). Il programma è finalizzato al potenziamento delle funzioni esecutive di bambini e ragazzi con DSA, BES e ADHD. 

I soci e colleghi di Mind.Ev.I  possono partecipare alla sperimentazione MAP!

Contattare via e-mail: info@mindfulnessevolutivaitalia.it

Il programma MAP!

Il programma MAP! è un programma di Mindfulness rivolto a bambini e ragazzi dagli 8 ai 13 anni (DSA, BES, ADHD ad alto funzionamento) creato per favorire le capacità di autoregolazione emotiva e potenziare le risorse cognitive.

L’autoregolazione è un insieme di capacità che consentono di regolare i pensieri, le emozioni e il comportamento. Avere buone capacità di autoregolazione permette ai bambini di controllare meglio le proprie risposte emotive e comportamentali e ha importanti effetti sugli apprendimenti. Infatti la capacità di autoregolarsi incide notevolmente sulle Funzioni Esecutive (memoria di lavoro, attenzione, flessibilità cognitiva, pianificazione, autoregolazione).

Questo fa sì che i bambini imparino più facilmente, siano più sicuri di sé stessi, e si divertano di più a scuola.

Oggi sono sempre più numerosi gli studi che dimostrano che la Mindfulness è in grado di incidere positivamente sulle capacità di autoregolazione e sul miglioramento delle funzioni esecutive (Mirazek et al., 2013; Semple et al.,2010).

Tutto questo non avviene per suggestione, ma perché la Mindfulness agisce sulla nostra mente: potenzia l’attività dei centri neurali di memoria e attenzione e accompagna la neuroplasticità del cervello del bambino incentivando lo sviluppo dell’autoregolazione emotiva.

La Mindfulness per bambini e ragazzi

Mindfulness significa porre attenzione in un modo particolare: intenzionalmente, nel momento presente e in modo non giudicante. Praticare la Mindfulness significa quindi esercitare noi stessi ad essere attenti a tutto ciò che ci accade nel momento presente, accettandolo e senza opporci ad esso.

I bambini possono beneficiare della Mindfulness da molti punti di vista. Come evidenziato da diversi studi, in particolare quelli condotti durante questo periodo di pandemia, i bambini oggi possono andare incontro a tante fonti di stress e vivere emozioni traumatiche: la separazione dei genitori, le verifiche scolastiche, la competitività sportiva e le conseguenze sociali e relazionali dovute al lock down e alle restrizioni (approfondisci la tematica con l’articoloLa mindfulness per gestire lo stress post-traumatico dei bambini e degli adolescenti ai tempi della pandemia”)

Attraverso pratiche e attività adattate alle loro esigenze, possono vivere l’esperienza di “essere”, piuttosto che di “fare”. Le competenze sociali ed emotive che la Mindfulness aiuta a sviluppare portano i bambini ad essere più in grado di capirsi, ascoltarsi, comunicare, ed essere più gentili con sé stessi e gli altri.

Con la crescita della consapevolezza, il bambino impara ad accettare se stesso, la sua vita e le sue esperienze interne esattamente per quello che sono.

Struttura del programma

Il programma viene svolto in piccoli gruppi divisi per età; gli incontri sono della durata di un’ora, a cadenza settimanale, per un totale di 8 incontri.

Durante gli incontri ai bambini vengono proposte pratiche di mindfulness, attività e giochi terapeutici di potenziamento delle funzioni esecutive che hanno come obiettivo quello di stimolare la loro consapevolezza del momento presente e rafforzare le capacità di autoregolazione.

 

Accesso al programma

Al programma possono partecipare bambini e ragazzi dagli 8 ai 13 anni, che hanno ricevuto diagnosi di DSA, BES o ADHD. L’accesso avverrà in seguito ad un colloquio con i partecipanti (genitori, insegnanti, psicologi,…). 

La direzione scientifica della sperimentazione si riserva di selezionare i bambini e ragazzi in base ai criteri scientifici attinenti alla ricerca.  Nella prima fase verranno avviati due gruppi, per cui vi sarà una selezione dei ragazzi in base ai criteri scientifici della ricerca. In un secondo momento verranno ampliate le possibilità di accedere al programma. 

Destinatari

Tutti i professionisti psicologi, psicoterapeuti, psichiatri, gli insegnanti della scuola primaria e secondaria di primo grado, e i genitori possono inviare la loro richiesta compilando il modulo online.