La Mindfulness è una pratica che ha numerosi effetti positivi sul benessere psicologico, relazionale ed emotivo dei bambini. Il suo utilizzo permette anche di aumentare le capacità di resilienza e di favorire l’autoregolazione delle emozioni.

 

Mindfulness e resilienza

La resilienza è la capacità di affrontare eventi dolorosi e stressanti e di superarli attraverso l’uso delle proprie risorse interne. Avere buone capacità di resilienza permette di avere una qualità di vita migliore e un maggiore benessere generale.

Il concetto di resilienza è legato a quello di adattamento: la persona resiliente è quella in grado di sfruttare le risorse che già possiede per adattarsi alle difficoltà della vita quotidiana ed affrontarle al meglio, superandole. Tuttavia è anche possibile sviluppare nuove risorse nel corso della crescita, grazie ad esperienze che arricchiscono e rafforzano dal punto di vista psicologico, emotivo, sociale e relazionale.

Oggi più che mai, la pandemia ha reso molto importante la capacità di resilienza: adulti e bambini sono alle prese ogni giorno con emozioni spiacevoli, quali rabbia e frustrazione per le limitazioni alla propria libertà, paura del contagio, senso di smarrimento e di incertezza, nonché il dolore per la perdita dei propri cari. Per queste ragioni diventa fondamentale vivere esperienze e utilizzare strategie che rafforzino le nostre capacità di affrontare le difficoltà e superarle.

Tra queste, la Mindfulness ha dimostrato di essere una pratica in grado di favorire il benessere psicologico ed emotivo, la regolazione delle emozioni spiacevoli e le competenze sociali.

La Mindfulness e l’autoregolazione emotiva

Il concetto di autoregolazione è strettamente legato a quello di resilienza. Infatti, per poter affrontare e superare situazioni difficili, dolorose e stressanti, è necessario riuscire a gestire al meglio le proprie emozioni e i propri comportamenti.

Essere capaci di autoregolare le proprie emozioni e comportamenti richiede consapevolezza di come ci si sente e notevoli capacità di introspezione. Per regolare le emozioni, infatti, è necessario prima di tutto osservarle e riconoscerle.

Questo è ciò che fa la Mindfulness: permette di fermarsi, di mettere in pausa le reazioni emotive e comportamentali automatiche di fronte ad un evento stressante. Solo dopo essersi fermati è possibile notare le proprie emozioni e decidere il modo migliore di reagire. 

La tecnica della tartaruga per favorire l’autoregolazione

Tra le pratiche di Mindfulness che possono essere insegnate ai bambini per imparare a notare le emozioni difficili e ad autoregolarsi, c’è la tecnica della tartaruga della calma

Questa tecnica, utilizzata in molti programmi di Mindfulness per bambini, ha lo scopo preciso di aiutare nella gestione della rabbia, della paura e dei comportamenti impulsivi. Al bambino viene chiesto di comportarsi proprio come farebbe una tartaruga: nel momento del pericolo si ritrae nel proprio guscio, dove si sente al sicuro e al riparo dai pericoli.

La tecnica però non si limita a dare al bambino un luogo sicuro in cui fermarsi e allontanarsi dal “pericolo”, ma lo stimola a cercare una soluzione efficacie per risolvere il problema che sta vivendo. Infatti sono previsti tre passi che il bambino dovrà seguire ogni volta che si accorge di essere arrabbiato o spaventato:

  1. entrare nel proprio “guscio”
  2. fare respiri profondi e pensare a una soluzione
  3. uscire dal guscio per risolvere il problema

Esercitando il bambino in questa tecnica, e diventando noi stessi esempi di regolazione e resilienza, si favorirà in lui lo sviluppo di tutte quelle risorse di cui ha bisogno per affrontare e superare le difficoltà quotidiane.

CLICCANDO SU QUESTO LINK PUOI SCARICARE IL PDF DELLA TECNICA DELLA TARTARUGA DELLA CALMA, ESTRATTO DAL LIBRO “CALMA E ATTENZIONE PER I PIU’ PICCOLI”

SCOPRI COME APPLICARE CON I BAMBINI QUESTA E TANTE ALTRE TECNICHE DI MINDFULNESS, GRAZIE AI NOSTRI CORSI “MINDFULNESS THERAPY PER BAMBINI” E “MINDFULNESS E EMDR PER BAMBINI E ADOLESCENTI”